Quante probabilità ci sono che:

– mi metta a seguire il blog di un tizio perché mi fa ridere

– che questo tizio si metta a seguire il mio (vecchio) blog perché… Non so perché

– che il tizio sia un deejay, ma non di quelli che ti metterebbero la versione remix del pulcino Pio, ma di quelli che ti fanno sentire cose nuove

– che un giorno veda le sue foto su Facebook e pensi: “apperò!” (e ribadisca il concetto guardando gli altri scatti su http://emanuelecolombo.carbonmade.com)

– che un giorno mi ritrovi il suo nome sull’homepage di Repubblica, perché è l’autore di questo video

The proof that we are soulmates from Emanuele Colombo on Vimeo.

– e soprattutto che non invidi neanche un po’ la sua poliedricità e il suo (giusto) successo?

Pochissime.

Nonostante ciò, ho intervistato Emanuele Colombo. Che vi devo dire? Alla fine mi sta pure simpatico.

IO: Ciao Emanuele. Ti ho lasciato cazzaro e deejay, ora ti ritrovo superprofessionale e videomaker. Ti ho incontrato su un blog di Splinder e invece adesso sei su Vimeo. Cos’è successo nel mezzo?

LUI: Nel mezzo ho preso una laurea in scienze della comunicazione, come fa qualunque 25enne che ancora non sa che fare della vita. Nel giro di due mesi sono stato assunto in un’agenzia di comunicazione di Milano con una piccola sezione di produzione video interna. Classico stage sottopagato con mansioni tipo portare a lavare la macchina del capo o scaricare le luci dal furgone. Pian piano poi ho iniziato a guadagnare la fiducia dei miei responsabili e a ricevere incarichi sempre più importanti.

A dicembre 2010, esasperato dalle sofferenze cui sono sottoposti i pendolari sulla tratta Varese – Milano, ho deciso di non rinnovare il contratto senza timore alcuno per la crisi globale, nel tentativo di intraprendere la carriera da freelance. I primi mesi devo dire che non sono stati facili ma in un lasso di tempo relativamente breve sono riuscito a crearmi un buon giro di clienti, al momento sto lavorando per parecchie agenzie sia italiane che estere.

IO: Mi racconti come nasce un video come “The proof that we are soulmates”?

LUI: Sebbene io adori il mio lavoro spesso mi trovo a fare video di routine, o peggio ancora non riesco a fare le cose come vorrei per via di mancanza di budget, scadenze serrate eccetera. Per questo ho deciso di dedicare del tempo a qualcosa che fosse solo per me e che possibilmente mi permettesse di imparare qualcosa di nuovo e di avere visibilità a livello professionale. In sostanza avevo voglia di fare qualcosa di bello.
Ho cercato ispirazione su Internet e su Visual.ly ho trovato questa meravigliosa dichiarazione d’amore

e ho deciso immediatamente di realizzarne una versione animata.

IO: Il video ha avuto millemilamigliaia di visite, è finito sull’homepage di Repubblica e sta facendo un po’ il giro di tutto il Web. Come ci sei riuscito?

LUI: Un’ora dopo aver messo il video online lo staff di Visual.ly l’ha messo in home page. Da subito poi, ho visto che amici e amici di amici hanno immediatamente iniziato a condividere il video su Facebook accompagnandolo con commenti entusiasti. Il primo giorno ha totalizzato 3000 visite, che non sono certo tantissime ma senz’altro un risultato che non mi ha aspettavo.
La svolta però è arrivata quando mi sono reso conto che Drake Martinet, l’autore dell’infografica a cui mi ero ispirato, è un importante giornalista specializzato in nuovi media, e la sua futura moglie, destinataria della dichiarazione d’amore, è Stacy Green, vice presidente di Mashable, che stando a quanto dice Wikipedia è il terzo blog più letto al mondo.
Non ho dovuto faticare molto per ottenere un post dedicato al mio video, da lì gli accessi si sono veramente impennati e da quel momento è finito un po’ ovunque.

IO: Allora, io avrei una teoria, che è questa che vado a esporti: puoi essere bravissimo, l’importante è che tu lo sia in una e una sola specialità. Quindi se sai fare musica, non puoi essere bravo anche con i video. Se sei bravo con i video, non puoi essere bravo anche a fare foto. Non che sia empiricamente impossibile, è che proprio ti fai odiare dalla gente normodotata, capisci?

LUI: Eh ma tutto ciò che faccio fa parte di tanti piccoli mondi tutti collegati tra loro. La logica dei software per fare musica è molto simile a quella dei software di montaggio video. Quando poi impari a montare scatta il desiderio di prendere in mano una telecamera e a provare ad usarla. Il passaggio tra la telecamera e la macchina fotografica poi è immediato perchè i concetti tecnici sono esattamente identici. Poi una volta che scatti una bella foto impari a usare Photoshop per ritoccarla, e a quel punto inizi a masticare un po’ di color correction e di abbinamenti di colore, che è una competenza che puoi reciclare anche nel montaggio video o nella grafica animata. In realtà ogni competenza di ognuno di questi ambiti può essere reciclata all’interno di tutti gli altri, è questa la vera figata!

Fondamentalmente le condizioni imprescindibili per lavorare nell’ambito in cui mi muovo io sono o il senso estetico e essere profondamente nerd. Io nerd lo sono di sicuro, riguardo il senso estetico lascio giudicare agli altri.

IO: Dimmi almeno che non sai cucinare. Io più di tutti odio quelli che sono bravissimissimi nel loro lavoro e mica si fermano lì, no, devono pure fare i MasterChef della situazione, giusto per far sentire una merda te che finora ti sei sempre parata dietro la frase: “Eh, ma io sono tutta concentrata sul mio lavoro, non ho tempo per imparare a fare chissà quali manicaretti!”.

LUI: No, non so cucinare e odio farlo. Però so tutte le capitali e le bandiere del mondo a memoria e faccio scrocchiare fortissimo le ginocchia.

Secondo me dovrebbe aggiungerlo, su www.emanuelecolombo.it

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: