Archivio mensile:ottobre 2012

Con un poco di immaginazione

Voglio provare a immaginare che quello che ho letto non è davvero stato detto.

O meglio, non è stato capito.

Sì, voglio credere che abbiamo sbagliato. Che siamo noi in errore. Tanto per cambiare.

Ecco come stanno le cose: quella della Fornero è tutta una strategia.

In realtà lei sta riuscendo là dove la scuola italiana (pubblica o no, la differenza è minima) ha miseramente fallito.

Ci ha insegnato una nuova parola inglese.

E “choosy” è solo l’inizio. Presto sulle prime pagine di tutti i giornali arriveranno anche le altre lezioni, gratuite.

Rimarremo sempre dei poveri choosy, ma con un perfetto accento british.

Contrassegnato da tag , , , ,

Twitter spiegato a Gasparri

Sottotitolo: sì, amo le sfide impossibili.

Allora, Maurizio, se vogliamo che questo post sia proficuo per entrambi, dobbiamo essere estremante sinceri, in primis con noi stessi.

Tu non sei molto amato dal pubblico.

Fidati.

Hai presente quegli sfottò che ricevi puntualmente? Ecco, quelli dovrebbero essere un indizio che sì, sei conosciuto, sei un personaggio pubblico nessuno-lo-mette-in-dubbio-per-carità, ma “amato”, credimi, è un’altra cosa.

Però tu dici: “Cosa me ne frega? Io ho tanti follower.”

Ecco, infatti, ora ti confesserò un segreto. Sai perché la gente su Twitter segue un personaggio pubblico? Essenzialmente per due motivi:

1) per provare a farsi notare, anche solo per un millesimo di secondo, al “vip” in questione. Per dirgli “hey, guarda, ci sono anch’io, se ti accorgerai della mia esistenza sarò l’uomo più felice della Terra e mi vanterò con gli amici per i prossimi vent’anni”.

2) per cogliere in fallo il vip e alla prima cazzata che scrive – e arriva sempre il momento in cui la scrive – percularlo.

Il primo caso funziona soprattutto se sei molto figo, il secondo se sei abbastanza discutibile.

Indovina un po’ a quale dei due appartieni?

Però tu dici: “Cosa me ne frega? Faccio politica, è normale avere degli oppositori”.

Certo, è normale se fai politica. Però com’è che solo in Italia è normale che un politico usi Twitter per inimicarsi la gente? Ma non ce l’hai un addetto stampa che t’abbia detto che la prima regola è essere accomodanti, o lecchini, o ignoranti (nel senso che è meglio ignorare una provocazione, che cadere nella trappola) nel magico regno del Web?

Così mi sei finito su tutti i giornali per la tua bella risposta, capisci che se quello prima c’aveva 48 follower ora tu hai migliaia di persone che vorrebbero defollowarti le braccine dal resto del corpo? (Incluso il fantomatico addetto stampa di cui sopra).

Però tu mi dici: “Cosa me ne frega? Guarda i follower che hai tu, non sei nessuno.”

Ed è proprio a questo punto che mi rendo conto di amare un po’ meno le sfide impossibili.

Contrassegnato da tag , , ,

Cose che non capisco, volume #2.

Non capisco perché in Italia una mostra come Body Worlds non possa essere vista semplicemente per quello che è: scienza applicata all’arte – o arte applicata alla scienza.

Non capisco perché “due rappresentanti del comune” (di cui mi piacerebbe tanto sapere il nome) possano decidere qual è il livello di sensibilità consentito: hanno fatto rimuovere il teschio di un bambino e un feto, non hanno voluto opere che rappresentassero scene sessuali, eppure ho visto parecchi membri maschili, donne a seno scoperto (letteralmente), tumori e malattie.

Non capisco come, in un anno e mezzo che vivo a Milano, non abbia mai sentito parlare della Fabbrica del Vapore. Solo sabato ho scoperto questo spazio speciale, in cui si trova anche l’Accademia del Gioco Dimenticato.

E dimenticare di giocare è un’altra di quelle cose che non capisco.

Contrassegnato da tag

La creatività della crisi (e non viceversa)

Benetton

Blush

Ad print festival

IKEA

Contrassegnato da tag , , , , ,